momento della deflagrazione

=======================
In ONORE DEI NOSTRI CADUTI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ] [ oggi, parteciperò, come guida spirituale, ad una commemorazione in onore dei nostri caduti della PRIMA Guerra Mondiale, organizzata da un gruppo ricreativo culturale: locale storico di Alleanza NAzionale, partiremo da Piazza Porta Nuova: di Ceglie del Campo, alle 15,30, per arrivare al Cimitero, e poi, dal cimitero andremo al monumento di Padre Pio. per le 16,30 tutto si concluderà. Quindi un mecenate del gruppo, ha già organizzato la posa dei fiori al monumento dei caduti di Carbonara, quindi, questa mattina a Ceglie del Campo: la Banda ha suonato il silenzio, e iniziative musicali nella stessa Piazza Porta Nuova, ci saranno in serata!
La situazione è più grave del previsto: i neo immessi in ruolo, i perdenti posto e chi chiede trasferimento saranno inseriti nell'organico dell'autonomia.... Vuol dire che andranno a finire in una graduatoria regionale e non avranno più la possibilità di avere una scuola fissa! Quel che è peggio è che se nessun dirigente li chiamerà per insegnare, lavoro per cui una persona si è laureata e specializzata, in quell'anno saranno utilizzati per le supplenze su scala REGIONALE!!! Le graduatorie di prima, seconda e terza fascia seppur tenute in vita non saranno più utilizzate, giacché i docenti di ruolo, sopra menzionati, saranno i supplenti del domani... Sempre utilizzati in tutta la REGIONE! Scompariranno man mano così l'organico di diritto e di fatto e tutti i docenti entreranno NELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA per FARE, se va bene, i DOCENTI viceversa SUPPLENTI di regione! DIFFONDETE PER FAVORE! FALLO GIRARE TRA I COLLEGHI DI RUOLO FORSE NON SONO INFORMATI DELLA FINE CHE FARANNO CON QUESTO "DISEGNO DI LEGGE"
Cosa puoi fare adesso: Condividi la petizione con i tuoi conoscenti per aumentare le probabilità che la petizione vinca. Ciao, Ho appena firmato la petizione, "Scuola, genitori, personale ata: Firmate per la richiesta referendum popolare sulla Buona Scuola". Credo che questo sia importante. La firmerai anche tu?
http://www.change.org/p/scuola-genitori-personale-ata-firmate-per-la-richiesta-referendum-popolare-sulla-buona-scuola
 ========
Climate Change Now top National Security Priority. obama-climate-change. Click here to watch: Obama Decides to Double Down on Climate Change as his National Security Priority. At a time when the U.S. military is facing threats on multiple fronts -- most immediately, the advances of the Islamic State in Syria and Iraq, where the terror group recently seized Ramadi -- President Obama told U.S. Coast Guard Academy graduates that climate change needs to be added to that list of threats. "This is not just a problem for countries on the coast or for certain regions of the world. Climate change will impact every country on the planet. No nation is immune," the president said. "So I am here today to say that climate change constitutes a serious threat to global security, an immediate risk to our national security, and, make no mistake, it will impact how our military defends our country. And so we need to act -- and we need to act now." The president delivered the message at the Coast Guard Academy in New London, Conn. The president in recent months has pressed for action on global warming as a matter of health, as a matter of environmental protection and as a matter of international obligation. He even couched it as a family matter, linking it to the worry he felt when one of his daughters had an asthma attack as a preschooler.
Watch Here. His speech to the cadets, by contrast, focused on what the Obama administration says are immediate risks to national security, including contributing to more natural disasters that result in humanitarian crises and potential new flows of refugees. Further, the president said he sees climate change aggravating poverty and social tensions that can fuel instability and foster terrorist activity and other violence. Obama said the cadets would be part of the first generation of officers to begin their service in a world where it is increasingly clear that "climate change will shape how every one of our services plan, operate, train, equip and protect their infrastructure." As for the impact in the U.S., Obama pointed to streets in Miami and Charleston, S.C., that flood at high tide and to military bases around the country already feeling negative effects. "Around Norfolk, high tides and storms increasingly flood parts of our Navy base and an air base," Obama said of military facilities in Virginia. "In Alaska, thawing permafrost is damaging military facilities. Out West, deeper droughts and longer wildfires could threaten training areas our troops depend on." With the Republican-led Congress resistant to Obama's push for more environmental regulation in response, the president has been using executive orders to cut greenhouse gas emissions and making the issue a theme of speeches. But his climate change agenda has drawn strong political opposition and a number of legal challenges. Many of the GOP presidential candidates for 2016 have said that taking unilateral steps to address climate change could hurt the U.S. economy.
Source: Fox News. CLICK HERE TO FORWARD THIS EMAIL TO YOUR FRIENDS
===========
Hola lorenzo: No sé si te habrás enterado. Hace unas semanas saltó a la prensa el caso de una niña de 10 años violada por su padrastro. Amnistía Internacional agarró el caso como bandera de la defensa del aborto. El ministerio de Salud  de Paraguay ha negado el aborto por ser inconstitucional e ilegal. Pero sobre todo, porque no ayuda a mejorar la situación de la niña. ¿De qué le sirve a la niña ser madre de un hijo muerto? La niña está siendo debidamente atendida y se encuentra bien dentro de la situación.
Pero Amnistía Internacional insiste. No suelta la bandera. No es que le preocupe la niña. Están utilizando a la niña para su nefata causa. Una injerencia ideológica absolutamente inaceptable.
¿Quieres mostrar tu rechazo a las prácticas de Amnistía Internacional?
http://www.citizengo.org/es/22290-cese-injerencia-ideologica-amnistia-internacional
Como probablemente sepas, el caso de Paraguay no es el primero. Amnistía lleva agarrando casos de niñas violadas por padrastros desde hace tiempo. Lo hizo en Nicaragua y El Salvador. Y en México elevó un informe recomendando el aborto libre como "derecho”. ¿Quiénes se han creído los de Amnistía?, ¿defienden la vida sólo después de haber nacido? Una vergüenza, lorenzo. Les da igual la niña, les da igual la legislación, les da igual todo. Lo único que pretenden (con muchos dólares) es IMPONERNOS su ideología nefasta y mortal. Pre$sione$ extranjera$ se llaman... Y ya está bien. Ya está bien de que vengan con su prepotencia a enseñarnos el nuevo catecismo del bien y del mal. Ya está bien de que ninguneen nuestra legislación y nuestro gobierno. Ya está bien de que se rían de nuestra soberanía.
¿Quieres decírselo tú ahora?
http://www.citizengo.org/es/22290-cese-injerencia-ideologica-amnistia-internacional
En medio de este acoso, el ministerio de Salud paraguayo se está comportando ejemplarmente. No sólo ha rechazado el aborto, sino que ha publicado nuestra campaña en su página web:
Pero la campaña de Amnistía Internacional continúa. Han lanzado una campaña en internet para pedirle al presidente que permita el aborto de la niña. Y ya son miles los que han firmado. De momento, son más que nosotros. ¿Lo vamos a permitir?
lorenzo, te pido un gesto de solidaridad con Paraguay. Ahora le toca a Paraguay, pero nos puede tocar a nosotros en cualquier momento. Su estrategia es legalizar el aborto en toda América Latina.
Varias organizaciones provida de varios países ya se han manifestado en un desplegado publicado en la prensa.
http://www.citizengo.org/es/22290-cese-injerencia-ideologica-amnistia-internacional
Gracias, lorenzo, por apoyar esta campaña. Juntos construimos un mundo mejor para nuestros hijos; un mundo en donde se respete al menos el principal de los derechos, el derecho a la vida.
Cualquier novedad, te iré contando. Un fuerte abrazo, Luis Losada Pescador y todo el equipo de CitizenGO. PD. Gracias, lorenzo, por apoyar esta campaña. ¿Puedes publicarla en tu página de Facebook para que más gente se pueda sumar?
PD2. Si quieres estar actualizado sobre lo que ocurre en cuestiones provida en toda América Latina puedes consultar www.defendiendovidas.org
No les importa ni la legislación nacional ni la opinón pública ni la gente ni el derecho a la vida del niño por nacer. Una injerencia ideológica inaceptable. #BastaYA. VIDA SI, ABORTO NO. Escribe a Amnistía Internacional y muéstrales tu queja
Firma esta petición haciendo clic aquí. Amnistía Internacional practica una injerencia ideológica intolerable. Ni aborto ni eutanasia. No ceder a las presiones!!
===============================
India: il primo anno del governo Modi. 12-05-2015. India, Dopo un anno di governo del Primo Ministro Narendra Modi,  esponente del partito nazionalista BJP, la situazione dei cristiani non è affatto migliorata, nonostante il Presidente abbia difeso con forza, in un'occasione, il pluralismo religioso.
Il 16 maggio 2014, il Bharatiya Janata Party (Partito del Popolo Indiano) ha vinto le elezioni e il suo candidato, Narendra Modi, è diventato Primo Ministro. Il programma elettorale prevedeva l'eliminazione della corruzione dagli uffici pubblici e il sostegno e il rafforzamento dell'economia. A causa di questo programma molti cristiani hanno votato il BJP nonostante  un certo malessere tra i leader cristiani a causa del carattere nazionalista del partito!
In questo primo anno di governo la situazione non sembra essere migliorata. Il tasso di incidenti contro i cristiani (già alto in precedenza) è cresciuto ulteriormente e il movimento che promuove la riconversione dei cristiani all'induismo ha guadagnato forza.
In questo periodo il Primo Ministro ha parlato molto poco di libertà religiosa, ma in un'occasione, dovendo affrontare pubblicamente la questione, ha difeso con forza il pluralismo religioso. Nella sua relazione annuale del 2015, pubblicata il 30 aprile scorso, la Commissione USA sulla libertà religiosa internazionale ha preso atto delle affermazioni di Narendra Modi, ma ha sottolineato che gli episodi di violenza a sfondo religioso sono aumentati per il terzo anno di fila in India.
Sebbene il Presidente del Consiglio indiano definisca il suo un governo laico e volto allo sviluppo della nazione, la realtà appare totalmente diversa.
In quest'ultimo anno la situazioni delle minoranze religiose è piuttosto peggiorata e non solo per l'aumento delle violenze. All'interno dei libri di testo scolastici sono state inserite parti del Bhagavadgita, un testo sacro indù, che rendono lo studio dell'induismo obbligatorio. È aumentata la richiesta di leggi anti-conversione in vari stati dell'India. Sono cresciuti il movimento per la riconversione dei cristiani all'induismo e il supporto dei media alla propaganda anticristiana (con accuse di conversioni forzate). Gli episodi di violenza contro i cristiani e le loro proprietà sono aumentati, così come il numero di responsabili di chiesa ed evangelisti arrestati con false accuse.
In una situazione che non accenna a migliorare Porte Aperte vuole rimanere al fianco dei cristiani perseguitati. Puoi farlo anche tu adottando un nostro progetto o facendo un regalo!
==================
Algeria: il muezzin si converte a Cristo, 05-05-2015. Algeria. La storia straordinaria di un muezzin, educato nella stretta osservanza dei dettami dell'islam, pronto a diventare imam, che si converte a Gesù grazie un avvenimento miracoloso che ha cambiato radicalmente la vita sua e della sua famiglia.
Fino a poco tempo fa, Mohand usava la sua voce per chiamare i musulmani alla preghiera. Per tutta la sua vita è stato formato per essere un muezzin (nella liturgia islamica è la persona incaricata a chiamare 5 volte al giorno dal minareto i fedeli alla preghiera) e in futuro, magari, un imam. Ma quello che lui non esita a definire un miracolo nella sua famiglia, ha cambiato totalmente il suo destino.
"Sono stato cresciuto nei valori e nei dettami dell'islam. Mio padre, che mi aveva indirizzato alla stretta osservanza dei riti islamici, mi convinse a frequentare la Cheurfa N'Bahloul, la più famosa scuola coranica del Nord della Algeria. Ero stato nominato muezzin e mi stavano preparando a diventare un imam", racconta Mohand.
Ma un giorno a suo figlio di 15 anni fu diagnosticato il cancro: fu un duro colpo per lui e per la famiglia. La figlia (sorella dunque del ragazzino) disse a papà Mohand che una sua collega le aveva parlato di Gesù Cristo e del fatto che Egli, nella Sua volontà, poteva curare i malati. Disperati, provarono anche questa via, invitando a casa la collega. "Ci raccontò della sua conversione e di cosa Dio aveva fatto nella sua vita. La sua testimonianza mi spinse a pregare Dio nel nome di Gesù per la guarigione di mio figlio. Dissi a Gesù: se guarisci mio figlio, saprò che tu sei la vera via", prosegue Mohand. "Pochi giorni dopo quella disperata preghiera, la salute di mio figlio iniziò a migliorare. La dottoressa, stupefatta, fece tutte le analisi e non trovò traccia della malattia. Decise così di chiedere un consulto esterno in una clinica privata a sue spese (io non potevo permettermelo). Alla fine mi disse che mio figlio era totalmente guarito e non sapeva spiegare come. Le dissi che era stato Gesù a guarirlo".
Ma che accadde a quella promessa fatta in preghiera? "Dio ha decisamente risposto a quella preghiera. Io, mia moglie e i miei figli abbiamo dato la nostra vita a Gesù. Da allora tutto è cambiato. Gesù ha trasformato la nostra tristezza in gioia!". Ora con passione e nelle occasioni che un contesto profondamente islamico offre, Mohand condivide con le persone ciò che Dio ha fatto nella sua famiglia. "Quando ero un muezzin, mi lodavano per la mia voce. Oggi, ho dedicato la mia bella voce a proclamare il Vangelo". 
=======================
Yemen: i cristiani reagiscono pregando. 21-04-2015. Yemen. La guerra in Yemen fa scivolare il paese ancor più nel caos. Tanti gli attori in campo, per l'ennesima tensione tra sciiti e sunniti. I credenti nazionali e stranieri non sembrano paralizzati dalla paura e rimangono attivi nell'incontrarsi e nel condividere la loro fede con altri
Il Medio Oriente è in fiamme. Dal 25 marzo  è ufficialmente esplosa un'altra guerra in questa regione surriscaldata: aerei sauditi e di altri paesi arabi hanno bombardato le postazioni in Yemen dei ribelli sciiti Houthi, che nelle ultime settimane avevano preso il controllo della capitale Sana'a e di altri territori nell'ovest del paese. A quanto pare il presidente Hadi, eletto nel 2012 dopo la fine del regime di Saleh, non è riuscito a formare un governo stabile che includesse anche i gruppi discriminati dal precedente regime (tra cui i ribelli Houthi appunto e le forze separatiste del sud) e ciò ha scatenato la loro reazione. La situazione in Yemen è resa ancor più complessa dalla presenza di al Qaeda in Yemen, che controlla alcuni territori nel sud del paese. Dunque gli attori in gioco sono molti, anche se alcuni media tendono a semplificare affermando che lo Yemen è di nuovo diventato scenario di guerra tra sciiti (sostenuti dall'Iran) e sunniti (wahhabiti sostenuti dall'Arabia  Saudita).
Ma in questo caos come vivono i pochi cristiani yemeniti?
Secondo le nostre informazioni, i credenti nazionali e stranieri non sembrano paralizzati dalla paura della guerra civile in atto, e rimangono attivi nell'incontrarsi (per incoraggiarsi l'un l'altro) e nel condividere (quando possibile) la loro fede con altri. Lo Yemen è 14° nella WWList 2015 e il livello di persecuzione è elevato. La maggioranza dei cristiani è straniera e sono percepiti come intrusi dall'identità nazionale e tribale. Diminuiti nel periodo post Primavera Araba per via dell'instabilità della regione, essi vivono solitamente separati dalla società islamica: prima di questi recenti sviluppi potevano praticare la fede in maniera controllata (quindi non totalmente liberi), ma non potevano fare nessun tipo di proselitismo.
Invece i cristiani locali, quindi i musulmani convertiti, devono vivere la fede nel segreto, vengono gravemente perseguitati dalle autorità (detenzione), dalla famiglia e dai gruppi islamici radicali, che minacciano di morte gli apostati, se non ritornano all'islam. Storicamente, gli estremisti di Al Qaeda in Yemen hanno ucciso, rapito e attaccato i cristiani in numerose occasioni.
La guerra in atto inevitabilmente crea tensione e mancanza di sicurezza, ma come dicevamo sappiamo che i cristiani yemeniti stanno reagendo continuando le loro attività, pregando per la nazione e in particolar modo, pregando perché persino la guerra possa trasformarsi in un'occasione per diffondere il messaggio di Gesù.
==============================
Nigeria: un anno fa rapirono le ragazze di Chibok. 14-04-2015. Nigeria (Nord) Oggi è il primo anniversario del rapimento delle ragazze di Chibok. Ben 232 sono ancora nelle mani dei Boko Haram. Voci che siano morte scuotono le famiglie. Ricordare e agire a sostegno dei perseguitati è sempre più necessario.
14 aprile 2014, ore 22:00, Scuola Statale Secondaria di Chibok, villaggio del nord-est della Nigeria, stato di Borno: 7 grossi pick-up irrompono nel compound della scuola, uomini pesantemente armati hanno il sopravvento sulle poche guardie presenti. Esplode il panico: urla e spari sferzano la notte nigeriana. Gli assalitori rapiscono decine di ragazze e spariscono nel cuore della foresta di Sambisa. Una sequela di notizie si susseguono nei media internazionali e fanno il giro del mondo: 100 ragazze rapite, no 150, poi diventano 200. Dopo il caos iniziale si giunge alla cifra esatta di 252 ragazze rapite. Secondo i collaboratori di Porte Aperte in loco e dopo i contatti con le famiglie, riscontriamo che 20 delle 252 ragazze scappano in distinti momenti del rapimento.
Ad oggi, dopo esattamente un anno da quella tragica notte, mancano all'appello 232 ragazze. Sono nelle mani dei Boko Haram. Almeno 165 di loro sono cristiane, per lo più della denominazione evangelica Chiesa dei fratelli. Non abbiamo notizie di altre fughe, né di pagamento di riscatti. Potrebbero essere state mantenute in gruppo o divise, molto probabilmente sono in un altro stato, forse in Niger. Le famiglie vivono nel dolore di non sapere la fine delle loro figlie. Porte Aperte segue parte di queste famiglie da vicino: tra le altre cose nei mesi scorsi abbiamo consegnato centinaia di lettere di incoraggiamento da ogni parte del mondo.
Dove sono queste nostre figlie? Queste nostre sorelle? Un ufficiale dell'UNHCR, Raad Zeid al Hussein, sostiene che potrebbero essere state uccise, poiché vari rapporti giunti al suo ufficio di Ginevra parlano del ritrovamento di una fossa comune a Bama (città nigeriana riconquistata dall'esercito) con molti corpi di donne, uccise dai Boko Haram nella fase di ritirata. Secondo Porte Aperte, non ci sono ad oggi evidenze che possano farci pensare che si tratti proprio delle ragazze di Chibok, solo supposizioni: anche se le voci stanno girando in fretta, non ce la sentiamo di confermarle proprio perché ad oggi mancano prove.
Il fatto è che i cristiani nel nord-est della Nigeria stanno soffrendo sempre maggiori e brutali violenze sia da parte dei Boko Haram che degli allevatori musulmani Hausa-Fulani (altra piaga di cui poco si parla, razziano, uccidono e saccheggiano per conquistare le terre degli autoctoni, per lo più cristiani). C'è così tanto da fare! Aiutateci a intervenire con progetti mirati a sostegno dei perseguitati, prima che sia troppo tardi!
======================
Kenya: amate i vostri nemici. 07-04-2015. Kenya. Di fronte al massacro degli studenti cristiani in Kenya, per Porte Aperte è importante fare due cose: 1) richiamare al cuore del messaggio pacificante di Gesù,
2) agire in favore dei perseguitati. ISLAM = I Sincerely Love All Muslim (io amo sinceramente tutti i musulmani) è un acronimo più volte citato da Fratello Andrea per descrivere l’approccio che Porte Aperte ha e ogni cristiano dovrebbe avere nei confronti dei musulmani. Di questi tempi suona dirompente. A Garissa, 150 giovani vite sono state spezzate dalla barbarie degli estremisti islamici di Al-Shabaab: tutto il mondo ne parla. E tutto il mondo ora parla di persecuzione dei cristiani, di fronte all’ennesima implacabile scelta dei terroristi di lasciare liberi gli studenti musulmani e di massacrare quelli cristiani. Mai come ora è essenziale richiamare al cuore del messaggio pacificante di Gesù: “Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano”. Come missione cristiana impegnata a sostenere i cristiani esattamente là dove vengono perseguitati, Porte Aperte ricorda il difficile percorso di perdono a cui Cristo chiama tutti coloro che si dicono cristiani.
Una famosa speaker radiofonica keniota della Nations Radio FM, Ciku Muriuki, ha scritto una lettera pubblica indirizzata proprio ai militanti di Al-Shabaab, di cui pubblichiamo degli stralci.
Cari Al-Shabaab,
avete rivendicato l’uccisione degli studenti cristiani. Sono triste per le loro famiglie costrette ad affrontare questa perdita, ma non sono triste per quegli studenti. La loro è una morte speciale. Suppongo che abbiate scelto deliberatamente questi giorni perché è Pasqua. Il momento in cui Cristo ha deposto la Sua vita per tutti noi, sì, anche per voi. Perché mai l’ha fatto, per essere deriso? Ebbene, voi non siete i primi a deriderlo. In questi giorni 2000 anni fa ci fu una moltitudine rabbiosa che lo derise, lo insultò, acclamando il Suo sangue. C’erano soldati romani che gli sputarono addosso, lo picchiarono, torturarono e gli posero una corona di spine sul capo, appendendolo crudelmente a una croce. Ci fu chi lo rigettò come Messia anche se sapeva esattamente chi fosse e cosa facesse. Molti videro i Suoi miracoli, ascoltarono le Sue parole… Gesù guardò i criminali attorno a Lui, la folla, i soldati e i leader religiosi e disse: “Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno”. La croce non uccise Gesù. I romani non l’hanno ucciso. I sadducei e farisei non l’hanno ucciso. Ma fu Gesù a deporre volontariamente la sua vita terrena… Lui ha pagato il prezzo per i peccati che noi commettiamo… Perciò a tutti voi giovani militanti di Al-Shabaab che avete ucciso i miei fratelli e le mie sorelle cristiani: io vi perdono. Mentre voi riempite il vostro cuore di odio (esattamente come quella moltitudine fece 2000 anni fa), io riempirò il mio cuore di amore, come fece Gesù, perché voi in realtà non sapete cosa state facendo. Non farò cordoglio. Ho GIOIA nel mio cuore… Gesù morì e poi risorse... Anche se ci uccidete tutti, noi risorgeremo…
Abbiamo bisogno del vostro aiuto per sostenere i cristiani perseguitati nei tanti scenari in cui soffrono a causa della loro fede in Gesù. Non possiamo lasciarli soli.
========================
Iraq: ecco come aiutate la Chiesa. 31-03-2015. Iraq. Il 2014 è stato un anno difficile per i cristiani in Iraq. Porte Aperte ha risposto nelle 12 ore successive al primo esodo da Mosul, fornendo aiuti. 80.000 sfollati sono stati aiutati con generi di prima necessità. Per la prima volta in 1600 anni non sono stati celebrati culti in questa città. Nel 2015 continuerà la nostra attività di sostegno ai cristiani iracheni.
Il 2014 è stato un anno difficile per i cristiani in Iraq. Dopo la violenta conquista di Mosul e della zona circostante da parte dell’ISIS, migliaia di cristiani hanno abbandonato le loro case. Attraverso i partner locali, Porte Aperte ha risposto nelle 12 ore successive al primo esodo da Mosul, fornendo loro aiuti. "C'erano molte persone per strada, anche nel bel mezzo della notte. I miei figli hanno visto cadaveri e alcune case erano incendiate dalle bombe. Eravamo così impauriti!", afferma un profugo di Mosul sugli avvenimenti del 9 giugno 2014.
A causa delle atrocità commesse dall’ISIS (o IS), un numero stimato di 120.000 cristiani sono fuggiti insieme a componenti di altre minoranze. Per la prima volta in 1600 anni non sono stati celebrati culti a Mosul. I terroristi hanno distrutto chiese e altri luoghi cristiani. Profughi interni hanno seguito gli eventi dai campi profughi con il dolore nel cuore.
Quella stessa estate, milioni di cristiani in tutto il mondo hanno mostrato la loro solidarietà verso i cristiani in Iraq. Questo ha offerto a Porte Aperte la possibilità di estendere il lavoro di soccorso. 80.000 sfollati sono stati aiutati con generi di prima necessità (cibo, acqua, medicine, prodotti per l'igiene e materassi). In 2 campi abbiamo creato uno spazio per bambini, per giocare e ascoltare storie della Bibbia.
L'inverno ha causato molti problemi. Abbiamo fornito a molte famiglie ciò che era necessario per proteggersi dal freddo: coperte, stufe e vestiti caldi. Intanto una formazione specifica per la cura dei traumi preparava persone a supportare le vittime delle orribili violenze.
Oggi, mesi dopo l'inizio della crisi, la situazione degli sfollati interni nel Nord Iraq rimane critica. Molti vivono ancora in abitazioni improvvisate (edifici in costruzione, centri commerciali vuoti, complessi di uffici o alberghi), mentre altri vivono stipati nelle chiese.
Nel 2015 Porte Aperte continuerà a stare accanto ai cristiani in Iraq, sostenendoli attraverso i partner locali e le chiese. La distribuzione delle forniture di base continuerà e verranno avviati progetti di riabilitazione, come aiuto alla ricerca di un lavoro o creazione di piccole imprese. Le chiese saranno sostenute per rafforzare la fede dei cristiani (distribuzione Bibbie, attività per bambini e giovani, corsi di formazione sulla cura dei traumi, ecc.).
Molti sfollati temono di non tornare più nelle loro case e vogliono emigrare. Ma se l’ISIS abbandonasse alcune aree, alcuni cristiani sono pronti a tornare e Porte Aperte è pronta a sostenerli.
==========================
Siria: il nostro oratore rischia la vita. 24-03-2015. Siria. Seraphim, nostro oratore al prossimo convegno, è un pastore siriano che vive e serve nella sua chiesa ad Aleppo. 5 missili sono caduti nella sua area, uno particolarmente vicino ha distrutto le finestre del suo appartamento. Lui sta bene, ma 23 persone sono morte. Il pastore Seraphim ancora una volta ha rischiato la propria vita. E' vivo, sta bene e presto lo avremo con noi. Sarà infatti il nostro oratore al prossimo convegno di Porte Aperte (17-19 aprile 2015 a Torre Pedrera). È siriano e vive ad Aleppo, nel cuore della guerra civile, con all'orizzonte lo spettro dell'ISIS, immerso in un mare di caos, dolore, tragedie e missili. Imprevedibili missili. Continui e terrificanti fulmini di morte piovuti dal cielo che anche ieri (23 marzo 2015) hanno mietuto vittime nella zona in cui Seraphim risiede e guida la sua chiesa.
Che cosa significa andare in chiesa col terrore di essere colpiti da un missile? O di essere abbattuti come bestiame da un cecchino? Io, andrei in chiesa se la mia vita fosse a rischio? Se Dio chiedesse a me, come al pastore Seraphim, di rimanere per curare le Sue pecore, cosa risponderei?
Sono domande a cui i perseguitati sono chiamati a rispondere. A cui il nostro Seraphim di fatto ha dovuto rispondere. "Ieri abbiamo avuto il nostro culto di lode e adorazione, e gloria a Dio perché tutto è andato per il meglio", ci scrive ieri, nel nostro flusso continuo di contatti con lui in vista della sua venuta al nostro convegno in Italia.  "Ma oggi è stato un giorno davvero duro. 5 missili hanno colpito la nostra area. Il più vicino è caduto a pochi metri dal nostro edificio. Le finestre del nostro appartamento (camera da letto e salotto) e qualche finestra dell'ufficio sono state totalmente distrutte. Ma grazie a Dio, sebbene vi siano stati altri danni, non mi è successo niente. Disgraziatamente ho saputo che 23 persone sono morte e circa 30 sono state ferite. Che disastro… mentre ringrazio Dio per la mia protezione".
Queste sono le sfide dei cristiani che rimangono in Siria. Questa è la fede richiesta a Seraphim e a chi, come lui, decide di rimanere. Vi chiediamo preghiere per la Siria e in particolare per questo fratello e per la sua venuta al nostro convegno che, come immaginerete, non è priva di notevoli rischi.
===========================
Pakistan: la minoranza cristiana sotto attacco. 17-03-2015. Pakistan. Ancora attentati, morti e feriti fra i cristiani del Pakistan. La esigua minoranza cristiana del Paese, già pesantemente discriminata, è, sempre più spesso, presa di mira dalla violenza dei musulmani radicali (non solo fondamentalisti).
A due giorni dall'ultima follia omicida che ha sconvolto la piccola comunità cristiana del Pakistan (circa 4 milioni di cristiani  in una nazione con 180 milioni di abitanti al 97 percento musulmani), la popolazione di Yahounabad, il quartiere povero di Lahore a maggioranza cristiana, prova a ripartire, ma la tensione sociale aumenta.
I due attentati che domenica 15 marzo hanno ucciso almeno 17 persone e che ne hanno ferite più di 80 sono stati rivendicati dal gruppo islamico Jamaat-ul-Ahrar (legato ai talebani). In un preciso disegno anticristiano gli attentatori hanno scelto due chiese (una cattolica e una protestante), affollate per i servizi domenicali, che distano soltanto 400 metri l'una dall'altra.
Solo la presenza di volontari, che sorvegliavano gli ingressi e che hanno dato la loro vita per proteggere i fratelli che si trovavano all'interno delle due chiese, è riuscita a contenere l'effetto devastante degli attacchi. Tuttavia la loro presenza è la dimostrazione del clima di tensione che circonda da diversi anni i cristiani nel Paese.
Oltre agli attacchi da parte dei fondamentalisti islamici, i cristiani si trovano a dover fronteggiare una discriminazione costante e un'ostilità continua da parte della maggioranza musulmana della popolazione. Frequenti sono infatti le accuse, spesso infondate, di blasfemia a carico dei cristiani che possono portare a condanne (a morte) da parte dei tribunali, ma che spesso scaturiscono in episodi di violenza che portano all'assassinio degli accusati (come successo alla coppia uccisa e data alle fiamme nel novembre scorso).
La discriminazione sociale e gli attacchi mirati contro le chiese o i singoli cristiani stanno facendo aumentare a dismisura il livello di tensione all'interno della minoranza cristiana, che è tentata, in assenza di interventi significativi da parte del governo e della polizia, di reagire alle continue violenze. L'uccisione da parte della folla di due musulmani sospettati di aver collaborato con gli attentatori è ascrivibile proprio a questo stato di tensione, ma questo tipo di reazioni può solo contribuire ad inasprire i conflitti tra i due gruppi religiosi. Un cristiano pakistano intervistato da un nostro collaboratore a seguito dei due attacchi a Lahore ha dichiarato: "Ieri era il terrorismo. Oggi si sta trasformando in uno scontro comune. Solo un atto stupido, e siamo tutti a rischio".
============================
Iran: rilasciato il pastore Victor Bet-Tamraz. 10-03-2015. Iran. I cristiani iraniani si rallegrano per il rilascio del pastore Victor che è rimasto più di due mesi nel famigerato carcere Evin di Teheran a causa della sua fede. I cristiani iraniani sono lieti di annunciare il rilascio dalla prigione Evin di Teheran del pastore Victor Bet-Tamraz. L'agenzia MEC il 2 gennaio aveva diramato la notizia del suo arresto e la richiesta di pregare per lui. Il pastore Victor esprime la sua gratitudine a coloro che hanno pregato per lui, e ribadisce che è stata una grande fonte di incoraggiamento sapere di questo supporto.
Il 26 dicembre i funzionari della sicurezza avevano fatto irruzione nella casa del pastore Victor e condotto una perquisizione approfondita, confiscando Bibbie, cellulari e documenti di identità appartenenti alle persone riunite in casa sua per Natale. Tutti i presenti sono stati arrestati e la maggior parte rilasciati poco dopo, ma il pastore Victor e altri due credenti ex musulmani sono stati condotti nella prigione Evin.
Amin e Kaviyan, i due fratelli arrestati con lui, sono stati rilasciati su cauzione un mese fa. Al pastore Victor inizialmente è stata rifiutata la libertà su cauzione. Tuttavia, l'1 marzo gli è stata offerta la libertà condizionale. L'ammontare della cauzione era alta e la sua famiglia ha dovuto presentare alcuni documenti di proprietà per garantire l'ammontare della cauzione.
Il pastore Victor si sente debole, ha difficoltà respiratorie, e ha perso peso. Ha anche una infezione ai denti, ma per il resto la sua salute è discreta. I funzionari della sicurezza stanno tenendo sotto controllo la sua casa.
I cristiani iraniani gioiscono per il rilascio del pastore Victor, ma chiedono di pregare che tutti coloro che sono ancora in carcere in Iran, a causa della loro fede in Gesù, siano rilasciati presto.
========================
Siria: vita quotidiana ad Aleppo. 03-03-2015. Siria. Da circa 4 anni la Siria sta attraversando una guerra distruttiva e sanguinosa. Il pastore Samuel che lavora ad Aleppo, la città più grande della Siria, ci manda regolari rapporti dandoci una visuale di ciò che i siriani affrontano quotidianamente.
La settimana scorsa è stata una delle settimane più difficili degli ultimi tempi per la nostra zona. Mercoledì scorso tre razzi sparati da ribelli sono caduti a 200 metri dalla Chiesa. Ci sono state molte vittime, ma grazie a Dio a noi non è successo niente.
Giovedì, come al solito, abbiamo avuto un culto per le donne. Le sorelle hanno continuato i loro studi sul libro di Giobbe. 35 donne (45-65 anni) partecipavano allo studio e dopo un'ora di dibattito e preghiere sono andate via, mentre io sono tornato nel mio ufficio. Alle 14:00 un membro della Chiesa mi ha telefonato chiedendomi di farmi visita e ci siamo accordati per vederci subito. Ho guardato fuori dalla finestra e improvvisamente c'è stata una forte esplosione. Un razzo dei ribelli ha colpito la strada, ma questa volta è esploso a soli 50 metri dalla chiesa.
La gente per strada era in preda al panico. Gridavano e correvano urlando in tutte le direzioni. La strada era piena di gente, perché molti erano sui marciapiedi per vendere vestiti di seconda mano o altri oggetti usati. In pochi secondi, il colore rosso dominava la strada: il sangue era dappertutto. Morti e feriti: oh Signore! L'ennesimo film dell'orrore. Ma non era il cinema, era reale: Io guardavo impietrito dalla finestra del mio ufficio.
In pochi secondi mi sono reso conto che la persona che stavo aspettando doveva passare proprio per quella strada. Scuotendomi, sono sceso in strada e ho iniziato a cercare il fratello mentre i soccorsi arrivavano. L'ho chiamato insistentemente al cellulare e grazie al cielo ha risposto: "Nel momento in cui ho lasciato il negozio per venire da te pioveva molto e sono tornato indietro per aspettare che smettesse. Poi improvvisamente ho sentito quella forte esplosione". Senza fiato e tra il frastuono del caos gli ho detto: "Consideralo un miracolo del Signore per la tua vita. Ha piovuto solo per 5 minuti; l'esplosione è avvenuta proprio in quei 5 minuti". Gli ho ricordato che la nostra preghiera quotidiana è il Salmo 91, col quale il Signore rassicura il suo popolo.
Quando sono tornato al mio appartamento sopra l'ufficio, ho scoperto che alcune finestre erano state danneggiate dall'esplosione. Ero in piedi davanti alla finestra dell'ufficio al momento della deflagrazione. Normalmente in quel momento, sarei stato proprio lì nel mio appartamento e probabilmente sarei stato investito dalle schegge di vetro che ora erano sul pavimento.
Alla fine della giornata, ho scoperto che almeno 8 persone erano state uccise e molte altre ferite. Signore, abbi pietà di questo popolo...